Il regime di contabilità semplificata

Lug 15, 2019

Regime contabile forfettario, semplificato, ordinario: quale scegliere? La scelta del regime fiscale è una fase importante nella pianificazione della propria attività di notaio e avviene ancor prima del momento di apertura della partita Iva.
Attualmente il regime contabile adottabile dai professionisti può assumere tre forme: forfettario (agevolato), semplificato per cassa (o più correttamente delle “imprese minori”) e ordinario.

Il regime di contabilità semplificata è un regime contabile naturale per tutti i professionisti che non superano la soglia di ricavi prevista dalla legge che è 400 mila euro per la prestazione di servizi e 700 mila per tutte le altre attività. Si tratta, in sintesi, di un particolare regime contabile che può essere scelto dai contribuenti che per ragioni di fatturato non possono optare per il regime fiscale agevolato dei forfettari. L’opzione della contabilità semplificata deve essere esercitata dal professionista in sede di prima dichiarazione annuale Iva; nel caso di mancata indicazione della scelta verrà automaticamente adottato il regime di contabilità ordinaria.

Il regime di contabilità semplificata consente ai contribuenti di beneficiare di semplificazioni per quanto riguarda la tenuta delle scritture contabili. Con il D.L. 193/2016 che ha introdotto il regime di contabilità semplificata per cassa sono state introdotte importanti novità per quanto riguarda proprio i registri contabili obbligatori. A partire dal 2017 i professionisti in regime di contabilità semplificata pagheranno le imposte su quanto effettivamente incassato e non sulla base del principio di competenza. Questo cambia gli obblighi nella tenuta dei libri e registri contabili.

Ma siamo sicuri che il regime di contabilità semplificata sia il più adatto per il notaio?

La contabilità semplificata senza dubbio è meno onerosa in quanto è più semplice, ma non offre alcuna possibilità di tenere sotto controllo la situazione finanziaria e patrimoniale del notaio. Né di disporre di un bilancio da fornire a terzi e da analizzare. Inoltre, in determinati casi, le recenti modifiche hanno reso la contabilità semplificata meno conveniente dell’ordinaria in termini di tassazione.

Partecipa al prossimo Workshop Sapes per avere un prezioso supporto nella scelta del regime fiscale all’avvio della professione. Troverai i riferimenti alle location e date, nella sezione Workshop inoltre se già hai ricevuto email da concorso2016@sapes.it, riceverai il dettaglio di ogni evento.

10 cose da fare quando si apre uno studio notarile

Le cose da fare quando si apre uno studio notarile sono davvero tante; oltre a capire quanto può costare, vi troverete a dover decidere su molti aspetti pratici. Per aiutarvi nelle scelte, ecco le prime 10 cose da considerare e di cui occuparsi.
Share This
X